Poster 10 anni di Apple Store: ecco la traduzione completa in italiano!

Molti utenti ci hanno chiesto di tradurre il testo completo del poster celebrativo dei 10 anni di Apple Store del precedente post, che campeggia del retro di tutti i negozi Apple negli USA. Ecco il testo completo in italiano!

Negli ultimi 10 anni, abbiamo imparato molto. Abbiamo imparato ad affrontare ogni giorno con lo stesso entusiasmo che avevamo il primo giorno. Abbiamo imparato l’importanza di dare ai nostri clienti  la stessa attenzione che loro ci danno. E abbiamo imparato l’arte di assumere le persone giuste per le giuste mansioni. Abbiamo imparato che è meglio  adattarsi al quartiere piuttosto che aspettare che il quartiere  si adatti a noi. È per questo che è passato così tanto tempo e nei negozi l’energia è sempre più aumentata. Il nostro primo negozio, a Tysons Corner, ci ha insegnato la  prima lezione nei primi 30 minuti dall’apertura. Avevamo appena aperto le porte, quando abbiamo notato che il pavimento in acciaio necessitava già di essere lucidato. Con una soluzione speciale . E uno speciale strumento. Poi abbiamo scoperto un materiale meno incline a macchiarsi con le impronte delle scarpe.

Abbiamo anche appreso che il vetro può essere molto più di un semplice bicchiere. Abbiamo imparato che un scatola di vetro trasparente può camminare a testa alta anche tra i giganti dello skyline di Manhattan. Che quando il vetro diventa così iconico come nella Fifth Avenue Cube, può anche diventare un punto di riferimento e il quinto oggetto più fotografato di tutta New York. Abbiamo imparato che se si deve, si può chiudere un’intera strada a Sydney per portare  tre piani di vetro. E quando si crea un palazzo di vetro di tre piani, è inoltre necessario creare un impianto in grado di installar tutta la struttura. Abbiamo anche capito come farei  pezzi curvi e in vetro più grandi del mondo, per uno dei nostri punti vendita a Shanghai. Abbiamo anche imparato un paio di cose sulla pietra. Come il modo di rivelare il vero colore del granito con una fiamma ossidrica. E che a volte il granito ha venature di colore che devono essere conciliate tra di loro. Abbiamo anche imparato che ottenere questi dettagli perfetti può essere come cercare di spostare una montagna. A volte due. Ma alla fine, lo sforzo vale la pena. Perché  acciaio, vetro e pietra possono combinare a creare degli spazi davvero unici e stimolanti. Capiamo anche che trovare il modello giusto per i nostri negozi è fondamentale. Abbiamo anche costruito la riproduzione di una scala vera e propria della facciata del negozio di Regent Street, in un parcheggio a Cupertino, per essere sicuri che il progetto fosse giusto. Il che ci ha insegnato il valore di vedere le cose in maniera più ampia.

Una volta abbiamo avuto l’idea di creare dei ministore che avrebbero offerto il massimo della convenienza. Poi ne abbiamo creato uno e ci ha dimostrato che uno store più grande è effettivamente meglio. E abbiamo imparato che anche quando i nostri negozi sono grandi, nessun dettaglio è troppo piccolo. Questo è qualcosa che abbiamo imparato quando abbiamo costruito il mosaico da 500.000 tessere a Parigi, nello store dell’Opèra. Abbiamo anche imparato che i nostri clienti amano gli  spazi aperti, le scale di vetro, e i tavoli di rovere artigianali. E che tali spazi non hanno bisogno di odore come alberi di pino o pomodori per renderli più invitanti.

Siamo costantemente al lavoro per rendere i nostri negozi più belli, più iconici, e più innovativi. E noi siamo tremendamente orgogliosi di ogni singolo store. Siamo orgogliosi dei nostri punti vendita non solo perché sono di successo, ma anche per tutto ciò che ci hanno insegnato. Lungo questo percorso, gli Apple Store hanno migliorato Apple come azienda. Negli ultimi 10 anni, abbiamo imparato che i nostri negozi sono l’incarnazione del marchio Apple per i nostri clienti. Ora, i nostri clienti sono la ragione per cui siamo qui, quindi cerchiamo di dedicare qualche parola a loro.

Quando abbiamo aperto il negozio in Tysons Corner, nel 2001, tutti gli altri store parlavano poco con i clienti. Questo ci ha fatto pensare che forse dovremmo parlare di più con loro. Faccia a faccia, se possibile. Così abbiamo trovato il modo avviare una conversazione ad ogni occasione possibile. Parliamo mentre giocano con i prodottisui tavoli. E quando si uniranno a noi per un seminario. Queste conversazioni ci hanno insegnato che i clienti amano i nostri prodotti, ma ciò che realmente vogliono è fare un album di foto di famiglia. Vogliono fare un film su loro bambino. O un sito web sui viaggi in tutto il paese.

Ci hanno  insegnato che i negozi Apple possono e devono essere i centri per la creatività. E abbiamo capito grazie a programmi come Apple Camp e Workshop della Gioventù che la creatività non si preoccupa dell’età. I filmati e le presentazioni che abbiamo visto fare ai bambini sono la prova che tutto ciò che serve sono gli
strumenti giusti e un’idea. E dobbiamo fare qualcosa di giusto, perché i sorrisi dei bambini sono altrettanto grandi come il nostro. Abbiamo anche appreso che i musicisti sono in grado di registrare un album nei nostri negozi e che va al top nelle classifiche. E che i registi più importanti non sono interessati solo ai nostri computer, ma anche ai nostri laboratori. Abbiamo imparato a divertirci con i clienti. E abbiamo insegnato ai nostri clienti come usare i prodotti nel campo business. L’esperienza ci ha insegnato che averne uno giornata alla settimana dedicata alla clientela aziendale non è sufficiente. Che dobbiamo essere aperti a questo aspetto ogni giorno. E dedicare ancora di più alllo spazio dedicato alle sessioni di formazione lavoro, workshop, ed eventi. Abbiamo imparato che ogni membro dello staff dovrebbe essere altrettanto attento alle esigenze di un cliente aziendale, come alle esigenze di qualsiasi altro cliente.

Le nostre milioni di conversazioni con i clienti di ogni genere ci hanno insegnato che non si tratta di far amare un telefono o un computer alle persone. E ‘impossibile. Invece, si tratta di dare alle persone gli strumenti per fare ciò che amano. E abbiamo imparato a creare programmi sorprendenti come One to One e la configurazione personale per dare alle persone questi strumenti. Abbiamo creato programmi come questi per sostituire la paura con la fiducia. Perché i nostri clienti ci hanno dimostrato che la proprietà e l’esperienza sono ancora più importanti della vendita. Abbiamo imparato tutto ciò ponendo delle domande. E ascoltando le risposte. E per essere
sicuri che ci capiscano tutti, abbiamo imparato a conversare in 36 lingue, e un paio di dialetti locali. Abbiamo anche imparato nuove culture. L’uso corretto della parola y’all, per esempio. E i nostri clienti giapponesi una volta ci hanno insegnato che i loro supereroi non indossano mantelli. Ci hanno insegnato a vedere i commenti come un dono. Abbiamo imparato che una visita al Genius Bar in grado di risolvere più semplicemente i problemi con i computer. E’ inoltre possibile migliorare sempre più il rapporto che unisce Apple e i suoi clienti. E che non abbiamo bisogno di un minifrigo rifornito con acqua per convincere la gente a parlare con un genio. Sapere che loro
possono ottenere esattamente la risposta giusta quando qualcosa non funziona è sufficiente.

Abbiamo anche capito come ridurre i tempi di una riparazione in-store e portarla da sette giorni a un giorno. I nostri clienti ci tengono a standard elevati. Così abbiamo imparato come aumentare i nostri. 325
aperture di negozi ci hanno insegnato che una grande apertura crea molta attesa. Che le persone fanno la coda per ore, anche giorni, solo per essere tra i primi ad attraversare la porta anteriore. E per ottenere in omaggio una t-shirt. Parlando di T-shirt, anche qui abbiamo imparato qualcosa. Abbiamo riscontrato che quando si indossano magliette nere, i clienti si fondono in noi, mentre quando portiamo troppi colori il cliente è confuso. Ma il colore blu è il migliore. Abbiamo anche imparato che ci vogliono esattamente 4.253 punti per ricamare il logo Apple su quelle magliette blu. E abbiamo anche capito in quale direzione i punti dovrebbero andare quando si tratta di lanci di un prodotto, abbiamo imparato che dobbiamo lavorare sodo per garantire la fornitura per tutte le richieste dei clienti. Se non ce la facciamo il primo giorno, dobbiamo farlo poco dopo. E abbiamo imparato a mettere i nostri prodotti in modo da poterli utilizzare in maniera semplice e immediata all’interno dello store. Abbiamo creato un sistema del tutto nuovo come EasyPay per aiutare i nostri clienti nel modo più efficiente possibile. Abbiamo sostituito il telefono con il Genius Bar. Tutte queste esperienze ci hanno reso più intelligenti. E al centro di tutto quello che abbiamo compiuto, tutto quello che abbiamo imparato nel corso degli ultimi 10 anni, c’è il nostro popolo. Le persone che capiscono come l’arte è importante per la tecnologia. Persone che corrispondono, e spesso superano, l’eccitazione che si prova al lancio di un nuovo prodotto.

E poi abbiamo gli oltre 30.000 dipendenti dedicati che lavorano così duramente per creare un rapporto duraturo con le milioni di persone che attraversano le nostre porte. Aiutano, organizzano seminari, organizzano le scorte, propongono offerte, gestiscono i cartelloni e imparano dai clienti. E noi assumeremo dipendenti con diverse estrazioni sociali: insegnanti, musicisti, ingegneri, artisti, perchè da ognuno c’è da imparare.

Abbiamo imparato come dare valore ad una personalità magnetica, per quanto competente. Come cercare dipendenti intelligenti, ma dando lo stesso peso alla gentilezza. Come trovare persone che vogliono una carriera, non un lavoro. E abbiamo scoperto che quando assumiamo le persone giuste, siamo in grado di viaggiare insieme
piuttosto che gestirle. Siamo in grado di dare a ciascuno il proprio pezzo di giardino da trasformare. Abbiamo imparato che i nostri migliori dipendenti spesso offrono la migliore formazione per la prossima generazione. E questo è importante, che ogni membro del nostro staff non deve sentirsi legato al singolo negozio, ma al team di Cupertino e a tutti gli altri Apple Store nel mondo. Perché è il modo migliore di fare le cose e, indipendentemente dalla lingua o dal Paese.

Abbiamo anche imparato che per l’eccezionale qualità dei nostri candidati, può essere difficile farsi assumere presso un Apple Store. A volte possiamo richiedere due o tre anni per assumere qualche candidato, non perché non sono giusti per Apple, ma perché vogliamo essere sicuri che stiamo offrendo l’occasione giusta per loro. Perché abbiamo imparato ad essere così selettivi? Così attenti? Perché il nostro team di dipendenti è l’anima degli Apple Store. E insieme, la nostra squadra è la più forte che si sia mai vista nella vendita al dettaglio.

Per quanto belli e iconici possono essere i nostri negozi, le persone che ci lavorano sono la cosa più importante. Quindi, in questo giorno pensiamo ad ognuno di voi. Diciamo grazie a quelli che erano lì il primo giorno, e a coloro il cui primo giorno è oggi. Gli ultimi 10 anni di Apple Store hanno cambiato Apple come azienda.
Le nostre esperienze, i nostri successi, anche i nostri passi falsi , ci hanno reso migliori.  Hanno fareso migliore Apple. Ed è a causa di queste esperienze, e il modo in cui ci hanno cambiato, che non vediamo l’ora di vedere cosa impareremo da oggi. Sono 10 anni. Ed è solo il primo straordinario passo.

 

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...