Galleria

Siri su Iphone 4 e Ipod 4G?

Appena qualche giorno fa abbiamo pubblicato la guida per avere Siri sull’iPhone 4 e sull’iPod 4G. L’abbiamo atteso a lungo, ma…purtroppo dobbiamo comunicarvi una triste notizia. Dopo il lancio di Siri per iPhone 4 e iPod 4G, sotto il nome di H1Siri, il software … Continua a leggere

Galleria

Autocorrection Bar, il tweak che abilita la barra dell’autocorrezione in iOS 5 – Cydia

Se non avete voluto seguire la procedura manuale illustrata in questa guida, Ryan Petrich ha realizzato un comodo tweak che permette di attivare la barra di autocorrezione di iOS 5 in modo molto semplice. Ricordiamo che questa funzione è stata nascosta … Continua a leggere

PowerSaver, perché sprecare batteria quando puoi risparmiarla? – Cydia

PowerSaver è un tweak che consente di risparmiare notevolmente in termini di batteria. Con questo programma, disponibile unicamente per iPhone jailbroken, potrete infatti impostare una serie di regole per attivare o disattivare determinate funzioni del vostro telefono in modo da non limitare in modo eccessivo l’autonomia del dispositivo.

Perché sprecare inutilmente batteria limitando l’autonomia dell’iPhone quando, con semplicissime azioni, si potrebbe evitare di rimanere “a secco”? Effettivamente non tutti i possessori di iPhone sono attenti a questo aspetto e spesso, per pigrizia o per dimenticanza, evitano di eseguire manualmente una serie di operazioni (ad esempio disattivare le Notifiche Push, il GPS, ridurre il livello di luminosità del display, disattivare il Push Mail, e così via) che limiterebbero i consumi di batteria durante l’utilizzo del telefono. Da oggi esiste una soluzione a questo problema, ed è completamente automatica!

Con PowerSaver potrete selezionare una serie di azioni che verranno compiute in modo automatico dall’iPhone ogni qual volta il livello di batteria – in percentuale – raggiunga un determinato valore. Ipotizziamo che vogliate ridurre al minimo la luminosità dell’iPhone quando l’indicatore di batteria residua raggiunga il 20%: per farlo basterà aprire il menu Impostazioni, quindi recarsi alla voce PowerSaver e riempire uno dei campi-azione presenti inserendo, alla prima voce, la percentuale di batteria per l’attivazione delle modifiche, nel nostro caso il 20%, e alla seconda quale azione compiere, nel nostro caso ridurre la luminosità dell’iPhone.

Potranno essere selezionate ed attivate più azioni contemporaneamente. PowerSaver le gestirà tutte in modo automatico a seconda dei comandi specificati dall’utente. Le azioni selezionabili in PowerSaver includono:

  • La disattivazione del WiFi;
  • L’attivazione della modalità aereo (disattivazione di tutte le connessioni);
  • La riduzione del livelo di luminosità del display;
  • L’esecuzione di un Respring (ricarica della Home);
  • L’esecuzione di un Reboot (riavvio dell’iPhone);
  • E altro ancora!

L’installazione di PowerSaver non prevede l’inserimento di alcuna icona nella Home del vostro dispositivo. Le preferenze del tweak, come specificato in precedenza, possono essere regolate direttamente dal menu Impostazioni accedendo all’apposita voce.

PowerSaver può essere acquistato dal Cydia Store; trovate il tweak all’interno della repository di BigBoss. Il programma è compatibile con tutti i dispositivi aggiornabili ad iOS 4 o successive versioni.

WallSwitcher, cambiamo lo sfondo dell’iPhone da qualsiasi applicazione – Cydia

Per cambiare sfondo su iPhone si può procedere, di solito, in due modi: aprendo l’applicazione Impostazioni e quindi recandosi alla voce Sfondo e selezionare quello da applicare alla Home e alla schermata di blocco, oppure selezionando un’immagine da usare come sfondo dall’applicazione Immagini o dal rullino fotografico. Con WallSwitcher, invece, potrete cambiare sfondo al vostro iPhone da qualsiasi schermata o applicazione di iOS.

WallSwitcher basa il suo funzionamento su Activator: ciò permette all’utente di selezionare una gesture personalizzata per richiamare un’apposito menu dal quale selezionare ed impostare lo sfondo che si intende utilizzare. Ne consegue che le gestures di attivazione sono davvero tante e possono essere selezionate liberamente dall’utente in base alle proprie esigenze.

Per poter “sfogliare” i propri sfondi applicandoli liberamente alla Home, dovrete spostare le immagini da utilizzare nel percorso /Library/Wallpaper del vostro iPhone.

WallSwitcher è disponibile in Cydia Store e può essere acquistato al prezzo di 1.99 dollari. Il tweak non aggiunge alcuna nuova icona alla Home e non sono disponibili impostazioni aggiuntive da regolare.

Barrel si aggiorna e diventa compatibile con iOS 5 – Cydia

Se volete dare un tocco di originalità al vostro dispositivo modificando gli effetti di transizione durante lo spostamento tra le pagine della Home, Barrel è il tweak che fa al caso vostro. Proprio in giornata lo sviluppatore del tweak, Aaron Ash – che il mese scorso ha partecipato all’evento MyGreatFest dedicato alla comunità dei jailbreakers – ha rilasciato un aggiornamento di Barrel consigliato a tutti gli utenti che intendono aggiornare il proprio dispositivo ad iOS 5.

Barrel è un tweak davvero interessante che consente di attivare dei particolari effetti tridimensionali durante lo spostamento tra le diverse pagine della Home dell’iPhone. Soprattutto con le ultime versioni gli effetti 3D presenti sono diventati davvero tanti e ognuno di essi può essere attivato tramite il menu Impostazioni.

La nuova versione di Barrel, oltre ad introdurre un nuovo effetto denominato “Merry-Go-Round”, introduce finalmente il pieno supporto ad iOS 5, consentendo così al tweak di funzionare anche su questa nuova versione del software di sistema.

Barrel è disponibile in Cydia Store e può essere acquistato tramite la repository di BigBoss al prezzo di 2.99$.

Disponibile su Cydia Free, tramite questa sorgente> http://repo.hackyouriphone.org/

Aggiornato CyDelete: arriva il supporto ad iOS 5 e al Retina Display – Cydia

Dopo aver aggiornato PreferenceLoader (per saperne di più clicca qui), Dustin Howett ha pubblicato su Cydia anche una nuova versione di CyDelete, tweak molto utile che consente di eliminare con semplicità le applicazioni Cydia installate nella Home dell’iPhone, in modo esattamente identico a quello con cui si eliminano i software installati da App Store.

L’aggiornamento di CyDelete, rilasciato da poco su Cydia, porta il tweak alla versione 2.0.5 ed include una nuova grafica, ora pienamente compatibile con il Retina Display di iPhone 4 e iPod touch di quarta generazione, e l’attesissimo supporto ad iOS 5 che permette ora di installare ed utilizzare il tweak anche sull’ultima versione del software di sistema dei dispositivi mobile Apple.

CyDelete è un pacchetto gratuito che potete scaricare dalla repository di BigBoss. Se avete già installato il tweak sul vostro iPhone, non vi resta che aprire Cydia ed eseguire (anche in questo caso gratuitamente) l’aggiornamento del pacchetto.

Aggiornamento per PreferenceLoader, finalmente compatibile anche con iOS 5 – Cydia

Dopo mesi di attesa, ovvero sin dal rilascio della prima beta pubblica di iOS 5, Dustin Howett ha finalmente rilasciato un aggiornamento di compatibilità per PreferenceLoader che diventa ora funzionante anche sull’ultima versione di sistema di iPhone, iPod touch e iPad.

 

La grande maggioranza dei tweak pubblicati in Cydia si interfaccia con iOS, ed in particolare con l’applicazione Impostazioni, grazie al PreferenceLoader. In sostanza il PreferenceLoader è un campo delle impostazioni di iOS unicamente dedicato ai programmi di terze parti e ai tweak scaricati da Cydia. Tecnicamente si tratta di un’estensione del Mobile Substrate che consente agli sviluppatori di inserire nuovi campi dedicati ai propri progetti, esattamente come i “SettingBundles” relativi alle applicazioni presenti in App Store.

Con l’aggiornamento rilasciato in giornata, PreferenceLoader diventa finalmente compatibile con iOS 5. In questo modo potrete nuovamente gestire le impostazioni dei tweak che avete installato sul nuovo sistema operativo da questa sezione dedicata. Ricordiamo che importanti tweak, tra cui anche Activator, basano il proprio funzionamento proprio sul Preference Loader.

L’aggiornamento di PreferenceLoader è gratuito ed il pacchetto è disponibile in Cydia all’interno della repository di BigBoss. Trattandosi di un pacchetto che viene impostato come dipendenza per moltissimi tweak, probabilmente, senza saperlo, sarà già installato sui vostri telefoni. Pertanto vi consigliamo di effettuare l’aggiornamento.

Disponibile SBSettings Beta per iOS 5 – Cydia

SBSetting è uno dei tweak Cydia più utilizzati ed apprezzati in assoluto, che consente di accedere con un gesto a diverse impostazioni e funzioni dell’iPhone. Da poche ore è stata rilasciata la beta compatibile con iOS 5.

Il nuovo SBSettings si integra perfettamente con il Centro Notifiche di iOS 5, con possibilità di utilizzare simultaneamente le gesture di Activator e quelle per attivare il Centro Notifiche stesso.

Non mancheranno nuovi temi, anche in HD, la possibilità di personalizzare lo stile del Centro Notifiche ed altre piccole migliorie che renderanno SBSettings un vero must have per chi ha il jailbreak.

Se avete installato iOS 5 sul vostro iPhone e avete effettuato il jailbreak, potete installare questa versione beta di SBSettings aggiungendo la repo http://thebigboss.org/ios5beta/

CIAO Steve… per noi non è un ADDIO… (Ci Sono State 3 mele che hanno cambiato il MONDO…La mela di Eva, La mela di Newton, La mela della Apple!)

Lo sapevamo. In fondo lo sapevamo che sarebbe potuto succedere presto… ma chissà com’è, ci speravamo tutti che il vecchio Steve guarisse, che sconfiggesse ancora una volta quel brutto male che invece se l’è portato via, lentamente, come un castello di sabbia consumato dalle onde. Stanotte all’ 1:49 mi sono svegliato senza motivo, così come spesso capita a tutti di svegliarsi durante il sonno e magari accorgersi di avere sete, di dover andare in bagno o più semplicemente per risistemare la coperta e dare un bacio a chi ci sta accanto. Ecco, ho aperto gli occhi, ho preso l’iPhone per vedere che ora fosse e quanto mancasse alla sveglia e BOOM, un colpo al cuore leggendo il push di iPhoneItalia con la notizia della morte di Steve. Mi sono guardato intorno e ho sentito il mio piccolo diavoletto respirare (ora ha quasi 9 mesi) e in un attimo mi sono reso conto di quanto sia fragile quel muro che separa chi sta bene ed è felice da chi invece si ammala e muore prematuramente lasciando indietro dolore e tristezza. Oggi Steve non c’è più e anche se il mondo andrà avanti, per molti questo giorno resterà scolpito nei ricordi….e nel cuore.

Quante volte ci siamo chiesti come sarebbe stata la Apple senza Steve, che strade e progetti avrebbe intrapreso senza il suo genio visionario e in quale modo avrebbe superato questa sua nuova assenza, stavolta definitiva. Nessuno ha la risposta, ma tutti hanno una certezza, oggi: Steve Jobs era e sempre sarà l’anima della Apple e l’unico in grado di diventare, ora che è morto, una vera e propria icona senza tempo, nei cuori di tutti coloro che lo hanno imparato a conoscere in questi intensi anni e che ne ammiravano il carisma e il carattere.

Mi piace pensare che fino alla fine lui abbia avuto la certezza di sconfiggere la sua malattia e che la sua testardaggine e la sua voglia di vivere abbiano alimentato la sua speranza di uscire fuori dal tunnel. Questi ultimi 3 anni in cui ha lottato sono stati davvero ricchi di novità e di grandi cambiamenti nel mondo della tecnologia targata Apple e ogni volta che rivedevamo Steve sul palco lo vedevamo peggio della volta prima: sempre più magro, più deperito….ma mai spento, mai rassegnato e sempre con lo stesso identico cuore impavido che lo ha accompagnato per tutta la vita. Ma dev’essere dura, davvero dura sapere di avere dentro un male incurabile, imparare a conviverci per poi tentare di combatterlo, mentre fuori il mondo ti pretende sempre in forma e ti crede invincibile. Ma soprattutto dev’essere spaventoso sapere di dover morire quando si sente l’ingiustizia divina di doverlo fare così presto.

La nostra vita scorre piano quando guardiamo le lancette dei secondi e sbuffiamo di noia e invece schizza via quando ripensiamo ai momenti passati e ci sembra ieri che li stavamo vivendo. Steve sentiva profondamente questo aspetto della vita, questo scorrere inesorabile del tempo che cancella la scia lasciata dai nostri giorni, come il cielo fa con quelle degli aerei….

Nulla è per sempre e il segreto di una vita senza rimpianti è quello di godersela momento per momento, seguendo i propri sogni, la voce dentro che ci dice quando sbagliamo e quando invece abbiamo azzeccato tutto….Questo ha voluto insegnarci Steve con il suo famoso “Siate affamati, siate folli”, un modo per dire che solo chi ruba la vita al tempo potrà viverla fino in fondo senza sprecarla facendo scelte pilotate, vivendo giorni vuoti, portando avanti amori finiti per paura di restare soli…..ecc. Quel Piccolo Principe che è in tutti noi e che vorrebbe non crescere mai dobbiamo portarlo sempre con noi e non sarà mai troppo tardi per avere un sogno e provare a realizzarlo.

Ecco, alla luce di come era Steve e di come ha sempre vissuto la sua vita, come poter capire allora quali siano stati gli ultimi suoi pensieri prima di andarsene…….e quanto male avrà fatto a uno come lui, che la spugna l’ha strizzata fino all’ultima goccia, rendersi conto di aver ancora tanti sogni da realizzare, tanti traguardi da raggiungere, tante sfide da vincere, ma non il tempo per farlo?

Non è bastato voler guarire a tutti costi….non è bastato spendere milioni per farsi curare dai più bravi medici del pianeta…no….la vita ha chiesto il conto il 5 ottobre 2011 a quest’uomo che per tanti è un mito, un guru, un simbolo, ma che in fondo era uno come noi, ne più ne meno di un qualsiasi nostro caro che si è ammalato, ha cercato di combattere, di girare le spalle al male e che alla fine se n’è andato lasciandoci un vuoto enorme. Al destino, a volte, non interessa il portafoglio o quanto conti nella società. Era il suo momento e doveva andare così….

Resta tanto di lui, restano i suoi sorrisi, resta il suo modo, unico al mondo, di raccontare le cose con semplicità, coinvolgendo, affascinando e rapendo letteralmente l’attenzione di chi lo ascoltava. Restano le sue “piccole” invenzioni, quella sua testardaggine che lo portò a scontrarsi col mondo intero quando pretese di cambiare il mondo della musica con l’iPod o quello dei computer con il mouse o le prese USB…..Resta, per chi ha buona memoria, il primo periodo di Apple, quello magico dei mille progetti e di montagne da scalare, quello di un sogno partito da un garage, quello della sua grande amicizia con l’altro mitico Steve, Wozniak, quello della “guerra fredda” con Microsoft , quello dell’esilio forzato dall’azienda che lui stesso aveva fondato e quello della rinascita e del riscatto.

E poi resterà, come non pensarci, l’immenso posto vuoto lì, nel suo ufficio al Campus di Cupertino, sul palco di tutti i Keynote che verranno, il suo telecomandino per scorrere le slides, il suo dolcevita nero, i suoi jeans un po’ consumati, le sue New Balance bianche, gli occhialetti sempre impeccabili, il sorso d’acqua dalla bottiglietta per allungare la suspance prima di un’altra diapositiva, il suo “BOOM” per enfatizzare la stupefacenza di qualche funzione appena provata, la sua maniacale attenzione al dettaglio, le piccole frecciatine ai concorrenti storici e mille altre piccole cose che ognuno di noi, a suo modo, porterà con se di questo grande personaggio che è stato:

STEVE JOBS…

”Aveva un sogno……..e quel sogno non è ancora finito”……..nei cuori di tutti coloro che lo hanno stimato questa oggi è l’unica certezza……

CIAO STEVE……RIPOSA IN PACE……

*Scritto da Cydia-Italia, CydiSaurik-NetLog,IphoneItalia,IpadItalia,SpingBlog,La Stampa,New York Times,Time,APPLE.”

TinyPwn, un interessante tool per il jailbreak in arrivo da Notcom?

Notcom, sviluppatore di TinyUmbrella, programma utile per salvare manualmente i certificati SHSH dei nuovi firmware di iOS su Windows e Mac, sembra aver confermato, dopo diversi mesi, di essere al lavoro su un nuovo progetto denominato TinyPwn. Cosa sarà TinyPwn? Probabilmente un nuovo tool per il jailbreak dalle caratteristiche davvero interessanti. A seguire i primissimi dettagli su questo misterioso programma.

 

Da circa sei mesi si vociferava su Twitter che Notcom stesse lavorando ad un nuovo tool per il jailbreak, ma ora sembra essere praticamente ufficiale. Lo stesso sviluppatore ha infatti comunicato su Twitter di aver ultimato il porting del codice pwnage 2.0 e di aver incluso il supporto all’exploit usato in Limera1n. Notcom conclude affermando che, una volta terminato, “TinyPwn sarà divertente” per gli utenti.

Leggendo tra le righe il tweet di Notcom, e anche in base ai diversi rumor che stanno circolando in questo ultimo periodo, si presume che TinyPwn consentirà la customizzazione dei file .ipsw di iOS al fine di creare un firmware personalizzato da ripristinare in un secondo momento sul dispositivo (stesso funzionamento di PwnageTool e di Sn0wbreeze). Tra le altre funzioni, TinyPwn potrebbe includere una caratteristica esclusiva davvero molto interessante: il tool per il jailbreak di Notcom potrebbe infatti consentire l’installazione del custom firmware senza ricorrere ad iTunes.

A quanto pare non dovrebbe mancare molto al rilascio di TinyPwn. Non appena il tool sarà disponibile per il download ve lo comunicheremo tramite un nuovo articolo.